Domande sui Testimoni - Emilio Morelli Official Page - Illusione di Geova, Piccolino orco Geova

Vai ai contenuti

Menu principale:

Chi sono realmente i Testimoni di Geova?
Risposte concise alle principali domande sui testimoni di Geova


Articolo tratto dal libro: L'Illusione di Geova l'altra faccia del Male
Che potete consultare per risposte più ampie e documentate!



Quando sono nati?
Il miliardario americano Charles Taze Russell nel 1870 fondò la setta democratica degli Studenti Biblici un mix di avventismo, sionismo, occultismo (Piramidologia) e massoneria. Nel 1881 Russell acquistò la «Torre di Guardia» una tipografia caduta in disgrazia, che nel 1884 trasformò in ente giuridico. Morì nel 1916 profondamente deluso dal fallimento della sua profezia sulla fine del mondo per il 1914. Successivamente nel 1917 gli succedette, con l’acquisto di quote azionarie per circa 1.500.000 di dollari, Joseph Franklin Rutherford che riformò la setta con uno scisma religioso, trasformando gli Studenti Biblici nei «Testimoni di Geova», un nuovo movimento pseudo cristiano, fondamentalista, teocratico e millenarista che rigettò profezie e insegnamenti del fondatore C.T. Russell o li modificò. Così l’anno 1914 da “fine del mondo” divenne l’inizio degli «ultimi giorni». Oggi gli scritti di Russell come gli «Studi sulle Scritture» sono praticamente sconosciuti a tutti i Testimoni. Dato che il movimento geovista non li ristampa, né invita gli adepti a studiarli o leggerli, neanche nelle loro “scuole” interne.


Sono Cristiani?
Ritengono, senza alcuna base storica o dottrinale, d’essere i soli “veri cristiani” per l’osservanza di rigidi comandi. In realtà non sono cristiani perché negano quanto affermato dalla Bibbia stessa:  «Gesù Cristo: egli è vero Dio e la vita eterna» (1Gv 5,20); «Nostro grande Dio e Salvatore Gesù Cristo. Egli ha dato se stesso per noi» (Tt 2,13-14). Hanno una dottrina apostata che rigetta la divinità di Gesù Cristo nella Trinità, la salvezza attraverso la fede in Lui e la croce. Non hanno liturgia, né vita sacramentale. Le loro adunanze consistono in continue ripetizioni della dottrina geovista ed esercizi per imparare a predicare con efficacia. Nonostante Gesù Cristo affermò: «Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna» (Gv 6,54)  essi non hanno l’eucarestia per tutti i credenti. Ma la “commemorazione” dove passano tra i presenti pane azzimo e vino riservati solo a pochissimi “eletti o uniti” e che in loro assenza sono spesso gettati nella spazzatura dopo il rituale.


I testimoni di Geova credono veramente nella Bibbia?
Idolatrano la Bibbia citandola all’infinito per qualsiasi argomento, anche quelli fuori contesto. La loro interpretazione letterale che spesso risulta bizzarra, fanatica e fondamentalista li porta ad essere rigidissimi su regole e comandi facendogli perdere il vero significato del Vangelo che è amore, bontà, misericordia e carità. Hanno prodotto una loro “Bibbia”, la Traduzione del Nuovo Mondo delle Sacre Scritture, che il Dr. J.R. Mantey, studioso ed eminente esperto di greco, ha definito “scandalosa, obsoleta, scorretta e ingannevole … Hanno distorto la Scrittura in parecchi punti specialmente in molti passi del Nuovo Testamento che parlano della divinità di Cristo”. Tale opinione è condivisa dai più grandi studiosi e biblisti al mondo.


Ostracismo geovista: infame odio religioso!
L’adepto che disobbedisce alle regole o decidesse di lasciare la setta è soggetto ad un processo religioso segreto venendo disassociato o dissociato. L’ostracismo geovista è una punizione perenne, un infame discriminazione religiosa che impone la morte sociale del fuoriuscito. Pratica illegale e anticostituzionale (la Legge garantisce la libertà di religione e opinione) che arriva a proibire il saluto e qualsiasi contatto sociale e umano con i fuoriusciti, compresi parenti e gli amici. Purtroppo, ogni anno sono migliaia le famiglie distrutte da questa crudele e anti-costituzionale forma di persecuzione che distruggere la vita sociale dell’individuo tacciato di infedeltà o apostasia che viene totalmente rifiutato da tutti i suoi affetti più cari al fine di imporgli il ritorno nella setta. L’ostracismo è una barbara e disumana prova di ristrettezza mentale, discriminazione, intolleranza e disprezzo dei più elementari diritti umani: la libertà di pensiero, coscienza e di religione (e il diritto di recesso).


Conoscenza o indottrinamento?
Alcuni rimangono assai sorpresi e incuriositi dall’apparente facilità con cui i Testimoni sfogliano la Bibbia e altri libri che usano per rispondere a domande di vario genere, credendoli addirittura esperti o studiosi! Il pubblico, però, ignora che quei passi e concetti sono stati ascoltati e ripetuti varie centinaia o migliaia di volte con studi, letture e adunanze, rendendo le risposte omologate al pensiero dei capi del movimento. Le loro risposte sono:
  1. Pronte o preconfezionate essendo già programmate;
  2. tratte da versi scelti e combinati senza alcun esame del contesto;
  3. sempre le stesse. Qualsiasi Testimone vi risponderà in modo pressoché identico. Tutto ciò non indica pensiero libero o indipendente, ma indottrinamento!


Integralismo ideologico: Odio sacro per le altre religioni
Nonostante il fondatore C.T. Russell palesò tutta la sua scorrettezza e falsità sulla prima Torre di Guardia (w) scrivendo: «Una verità presentata da Satana stesso è altrettanto vera di una verità presentata da Dio» (1879, pp. 8-9). Essi accusano e odiano i cristiani e in particolar modo la Chiesa Cattolica, considerando tutte le altre religioni sataniche, malvagie e prossime alla distruzione.
Hanno scritto:
  • « … gli ecclesiastici … sono agenti e rappresentanti del Diavolo» Nemici 1937 pp. 88; 205.
  • «La religione Cattolica è demonismo …» Religione 1940 pp. 50-51.
  • «Babilonia la Grande è il sistema mondiale della falsa religione, di cui la cristianità è la parte più riprovevole … e fra breve sarà distrutta» w 1/3/1990 p. 26.
  • «La falsa religione esiste da molto tempo … divenendo un impero mondiale di falsa religione, la predetta Babilonia la grande. La sua componente principale e la cristianità ...» Rivelazione il suo grandioso culmine è vicino!, 2006, pp. 258-260.


Perché predicano con tanto fervore? Sono pagati?
La predicazione, o meglio il proselitismo, è un obbligo che non può essere messo in discussione. I proclamatori, a differenza dei dirigenti, non percepiscono sostegno economico, anzi pagano di tasca loro per mezzo di “contribuzioni volontarie” (il materiale propagandistico e le varie spese affrontate). Al pari di un opera di marketing avanzato fanno rapporto di tutte le loro attività di proselitismo, comprese le visite alle case delle persone (visite che ad alcuni appaiono dettate da “amicizia” in cui parlano del più e del meno e regalano pubblicazioni). Si danno tanto da fare perché ogni mese consegnano il “rapporto di servizio” con il totale delle ore dedicate al proselitismo, pubblicazioni lasciate (libri, opuscoli e riviste), persone rivisitate e “studi” tenuti su apposite pubblicazioni per i neofiti. Avendo da poco abolito gli illegali moduli “note di casa in casa”, dove registravano i dati di ignare persone trovate assenti oppure “interessate”, attualmente registrano tali dati su block notes anonimi per ritornare a far proseliti.


Non fanno beneficenza!
Gesù indicò che i suoi seguaci si sarebbero contraddistinti dal vero amore, la carità e l'altruismo (Cf. Gv 13,34-35; 1Gv 4,7-21). A differenza della Chiesa Cattolica e di altre confessioni cristiane i Testimoni non fanno opere di beneficenza!
  • Chiedetevi: Conosco un ospizio, orfanotrofio, ospedale, mensa per i poveri, opera di soccorso, ente caritatevole, opera di beneficenza ecc. organizzato e sostenuto dai testimoni di Geova? Oppure le opere di beneficienza sono organizzate solo in casi di estrema necessità o per scopi pubblicitari e indirizzate soprattutto agli aderenti il movimento?


Geova è il nome di Dio?
L’apologeta Giustino Martire (100-165 d.C.) scrisse: «Nessuno può dare un nome al Dio ineffabile» e «Non esiste, comunque, alcun nome adeguato al Padre dell’universo, che è ingenerato».  A differenza della Chiesa primitiva, i Testimoni  insegnano che Geova è il nome proprio di Dio. Però poi ammettono: «Per quanto riguarda il nome di Dio, invece di mettervi i segni vocali giusti, nella maggioranza dei casi vi misero altri segni vocali per ricordare al lettore di leggere ‘Adhonày [Signore] ... È quindi evidente che la pronuncia originale del nome di Dio non è più conosciuta. E in effetti non è importante. Se lo fosse, Dio avrebbe fatto in modo che giungesse fino a noi». (Il nome divino che durerà per sempre, pp. 7-8). I Masoreti tra il VII, VIII secolo d.C. aggiunsero al Tetragramma YHWH le vocali di Adonay per ricordare di leggere Signore. Secoli dopo alcuni cristiani usarono la grafia ibrida Iehowah o Geova in Bibbie, dipinti e mosaici di alcune chiese (foto che geovisti amano mostrare come “prova”), statue, monete ecc. Il nome Geova è in realtà un falso, ecco perché oggi la Chiesa non lo usa!


I testimoni di Geova sono coinvolti in scandali?
In America sono stati condannati a pene pecuniarie per inquinamento dovuto al fatto che hanno sotterrato in loro proprietà fusti di residui chimici delle loro industrie. Inoltre, essi raccoglievano finanziamenti tramite la società HM Riley Trust che attingeva denaro direttamente da molte compagnie come la PHILIP MORRIS, uno dei più grandi produttori di tabacco e sigarette al mondo! Però essi, ipocritamente, vietano il fumo e di lavorare tabacco agli adepti. La HM Riley Trust riceveva denaro anche da: Exxon Mobil, Coca Cola, Barclay's, JDS Uniphase,  Proctor and Gamble, Sysco ecc.

Pedofilia: L’associazione Silent Lambs riferisce che la società Torre di Guardia nel 2001 chiese alle congregazioni dell'Europa occidentale, degli USA e del Canada di fare un rapporto dei casi di pedofilia verificatisi, emergendo così il numero di 23.720 Testimoni coinvolti in casi di pedofilia (http://www.silentlambs.organswers/ 23720.cfm). Diversi di loro erano stati anziani e servitori di ministero. Il numero è significativo dato che tra i Testimoni un accusa deve essere confermata da almeno due testimoni oculari. Il giornale Il Ponte del 19/7/2009 a pagina 12 scrive: «Hanno dei segreti che non condividono con i loro membri quali, ad esempio, il problema della pedofilia». Il 15/6/2012 il giornale NBC News riferiva la notizia: «I Testimoni di Geova condannati a pagare più di $ 20 milioni per una donna che ha subito abusi sessuali» (http://usnews.nbcnews.com). In molte nazioni, come in Australia, i testimoni di Geova sono sotto inchiesta per aver coperto la pedofilia all'interno della confessione.


La Bibbia vieta le trasfusioni di sangue?
Non solo non le vieta, ma non ne contiene neanche il concetto! La ferrea proibizione geovista è un’invenzione settaria  derivata dall’interpretazione letterale e fondamentalista della Bibbia che viene così snaturata ed estremizzata. Trasformando una regola morale in una pericolosa (potenzialmente omicida) regola medica. Secondo i medici David Reed e Dr Jerry Bergman, tra 450 e 1.150 testimoni di Geova muoiono ogni anno per il loro rifiuto a farsi trasfondere. L’espressione «astenersi dal sangue» che si trova negli Atti degli Apostoli ai capitoli 15 e 20, ci spiega l’apologeta Tertulliano, si riferisce al versare sangue umano e non alle trasfusioni di sangue. Infatti «astenersi dal sangue» è equiparato a peccati di natura morale come l'idolatria e la fornicazione perché il cristiano non vuole commettere atti idolatrici, fornicazione né tantomeno omicidi.


CONCLUSIONE: La maggior parte dei Testimoni non solo non è preoccupata dalla storia del movimento o dai continui cambiamenti dottrinali spacciati come “nuova luce spirituale”, ma neanche è disposta a fare ricerche per vedere in che modo il movimento ha cambiato dottrine, insegnamenti e presunte profezie. Ad esempio, per 12 anni hanno proibito i trapianti d’organo (per non parlare delle frazioni del sangue) senza alcuna reale base biblica, provocando inutili sofferenze e addirittura la morte di chi, convinto di fare la cosa giusta davanti a Dio, si è immolato ad una “religione” apostata. Non sono turbati neanche dalle numerose false profezie sulla “fine del mondo” fatte per gli anni 1914, 1918, 1925, 1931, 1941, 1975, 1986, 2000. Anzi, continuano ad essere ossessionati dalla “fine del mondo” e la distruzione delle «persone del mondo» satanico, ossia tutti i non geovisti. Pertanto non facciamo l’errore di confondere l’integralismo religioso o la sincerità personale con la  verità o la sana dottrina! (Cfr. Dt 18,20-22 e Mt 7,15).

Immagine sopra:  La verità che conduce alla vita eterna, 1968, p. 95.
A riprova della colossale opera di falsa profezia: Il libro geovista nel 1993 ricevette il Guinness dei Primati per la tiratura di 107.073.179 copie.



 
Torna ai contenuti | Torna al menu