Dibattere con i Testimoni - Emilio Morelli Official Page - Illusione di Geova, Piccolino orco Geova

Vai ai contenuti

Menu principale:


Dibattere con i testimoni di Geova

Molti si chiedono se è possibile far ragionare i testimoni di Geova ed indurli a riflettere sul loro culto che più volte si è dimostrato erroneo e fraudolento. Questa pagina vi sarà molto utile!



Se avete provato a discutere di argomenti religiosi con un testimone di Geova, avrete notato che la conversazione è severamente ostacolata. Ciò che inizia come una discussione si riduce frequentemente ad uno sterile dibattito. Prendiamo in considerazione alcune domande:

• Perché accade questo?
• Perché è così difficile far cambiare idea alle persone?
• Perché le persone diventano irrazionali quando difendono le proprie credenze?


Una breve chiacchierata
Facciamo finta che voi sediate a pranzo ogni giorno con un testimone di Geova di nome Russell. Parlate del tempo, del lavoro e degli eventi quotidiani. Avete notato che Russell ha uno strano atteggiamento verso le notizie: ogni volta sembra prendere in considerazione soltanto le cose brutte che accadono, e in genere ignora le buone. Voi sapete che molte persone hanno questa tendenza, ma Russell sembra gradire le storie di carestie, guerre, terremoti, epidemie ed altri disastri. Pensate che questo abbia qualcosa a che fare con la sua convinzione che tutte queste brutte cose indicano che il mondo si avvicina alla fine.

Un giorno, decidete di fare due chiacchiere con lui a proposito delle sue credenze religiose. Ascoltate con attenzione, e tenete per voi le vostre riserve. Non vi convince, ma è interessante scoprire come la pensano altri. Di tanto intanto ponete domande, ma non mettete mai veramente in discussione quello che va dicendo. Russell sembra compiaciuto che voi stiate spendendo del tempo per scoprire qualcosa sulla sua religione.


Discussione
Il giorno successivo, Russell vi chiede se avete pensato a quello che vi ha detto. In effetti, non ci avete poi riflettuto molto, ma dichiarate che sarebbe bello avere una soluzione ai mali del mondo. Così, Russell vi propone una discussione più approfondita. Sollevate alcune obiezioni, ma lui risponde ad ognuna di queste con facilità. Siete impressionati dalla conoscenza che egli ha della sua materia.

Quella sera, riflettete molto su quello che vi ha detto Russell. Non riuscite a trovare nulla di sbagliato in esso, ma c’è qualcosa che non vi quadra. Chiamate un amica ex Testimone che vi fornisce spiegazioni e vi indica dei punti critici nelle dottrine e nell’organizzazione dei Testimoni. Ora avete delle domande da porre a Russell quando avrete una nuova conversazione con lui. Per coincidenza, Russell è desideroso di discutere ancora con voi subito il giorno seguente. Ha un piccolo libro che pensa voi dovreste leggere. “Questo spiegherà ogni cosa,” vi assicura. Date un’occhiata al libro e poi dite: “Ho qualche domanda che mi piacerebbe porti.” Lui sembra lieto che il vostro interesse sia cresciuto così rapidamente.

“Ho una lista di domande che mi ha dato un’amica,” dite, tirando fuori i vostri appunti della telefonata che avete avuto la sera precedente. Russell esamina velocemente la lista, il suo sorriso si smorza.

“Hai parlato con qualche apostata?” vi chiede.

“E’ una donna che conosco,” rispondete. “Che cosa è un apostata?”
“Sono quelle persone che spargono bugie sui Testimoni”. Fa scivolare il foglio di carta indietro verso di voi.

Ci pensate sopra. “Allora, in questo caso, le domande dovrebbero essere facilmente liquidabili.”

“Questa gente distorce le parole. Non ti puoi fidare di loro”.

“Va bene”, replicate, “quindi mostrami cosa c’è di sbagliato in queste domande. Cominciamo con la prima”.

Russell guarda il foglio e legge ad alta voce. “Se Gesù voleva dire “epoca”, perché avrebbe detto “generazione”? Ha forse strizzato l’occhio o qualcosa del genere, in modo che gli apostoli potessero capire che lui intendeva qualcosa di diverso?”. Russell vi guarda sollevando le sopracciglia.

Fate spallucce. “Questo è quello che lei ha detto. Io non so nemmeno di cosa stia parlando. È questo quello che intendi per distorcere le parole?”

“Bene, io so di che cosa sta parlando, ma lei non sa di che cosa sta parlando. Questa domanda è un totale nonsenso”.

“Che mi dici della domanda successiva?” suggerite.

Russell la legge silenziosamente. Scuote il capo. Continua a leggere i vostri appunti senza commentare. Alla fine, tira un sospiro e osserva, “Questa signora ti sta ingannando con domande di questo genere”.

Voi non avete mai pensato alla vostra amica come una persona particolarmente cattiva, così dite, “Allora, proviamo a rispondere alle domande. Tu mi puoi mostrare che cosa c’è di sbagliato in queste”.

“Semplicemente, leggi il libro che ti ho dato. Questo è tutto quello che ti serve. Non hai bisogno di domande come queste, ti confonderanno solamente”.

Fate sì col capo. “Va bene, posso leggere il libro. Ma conosco questa signora molto bene, ed è una persona squisita. Così preferirei che potessimo occuparci di queste domande prima che io legga il libro”.


Dibattito
L’espressione di Russell muta in fiera determinazione. “Va bene! Risponderò a queste domande, e poi potrai leggere il libro”. Le risposte di Russell non vi soddisfano. Sembrano accantonare o evitare il punto centrale. Decidete di doverlo portare indietro sulla questione principale al fine di apprendere tutto. Il dibattito è iniziato.


Difendere la Fortezza
Amate Convinzioni. Tutti abbiamo delle convinzioni che ci stanno a cuore. Alcune di queste sono importanti per noi, e non ci rinunceremo facilmente. Alcune convinzioni possono essere addirittura così fondamentali per il nostro senso di benessere che non possiamo mai discorrerne in modo spassionato. Noi non possiamo concedere che queste non siano vere. Prendiamo, a titolo d’esempio, il problema del razzismo. Un crescente numero di persone è dell’opinione che il razzismo sia sbagliato e non ascolteranno nemmeno qualcuno che la pensi diversamente. La questione non è semplicemente aperta alla discussione. È, comunque, aperta al dibattito. Se incontrate un fervente razzista, potreste tentare di ‘metterlo sulla retta via’, anche se c’è davvero una piccola speranza di ottenere un cambiamento di atteggiamento. Il razzista crede nella sua causa altrettanto fortemente quanto voi credete nella vostra. Qualche volta abbiamo bisogno di ricordare a noi stessi che le persone con vedute contrarie alle nostre non le sostengono solo per farci irritare.


Oggetti Inamovibili. La maggior parte delle persone hanno una manciata di convinzioni che sono “scolpite nella roccia”. I testimoni di Geova, d’altro canto, hanno un intero sistema di pensiero che è inestricabilmente intrecciato con la loro vita di tutti i giorni. È concepito in modo tale che se sfilate un solo mattone, tutto l’edificio potrebbe crollare. Loro sono ben consapevoli di questo pericolo, e così non si possono permettere di discutere spassionatamente di alcuna delle loro convinzioni. È un loro assoluto interesse provare a tutti, specialmente a se stessi, che ogni cosa che essi credono è “la verità”. Così, non potrete mai discutere di dottrina con un testimone di Geova. Potete o ascoltare o dibattere. Non c’è nessuna “via di mezzo”!


Una Valutazione Onesta. I testimoni di Geova sono convinti di essere persone oneste. Comunque, sono in errore nel presumere che la loro onestà si estenda a tutti gli aspetti della loro vita. Come quasi tutti gli altri (benché ad un grado maggiore), sembrano incapaci di soppesare i pro e i contro delle loro convinzioni fondamentali. Voi potreste dire, “Sicuramente un argomento logico devastante può far breccia in qualsiasi Testimone!” ma si tratta di una vana speranza, come vedremo.


La Verità sulla Verità
Limiti Logici. In teoria, le persone intelligenti sono in grado di sedersi e determinare in maniera razionale se una particolare idea è supportata da prove, o se almeno è fortemente supportato da ciò che sappiamo. Comunque, la razionalità non è la sola componente della nostra psiche, così una ‘discussione ragionevole’ è spesso deviata dalla natura umana. Avete mai guardato i membri di un partito politico controverso esporre la “linea del partito”? Potreste aver notato che gli argomenti non sono presentati tanto allo scopo di scoprire la verità, quanto al fine di convincere gli uditori. Potete imparare efficaci tattiche di persuasione da un libro, ma probabilmente ne usate già alcune, senza saperlo. Per tutta la nostra vita, abbiamo visto persone “difendere il loro orto” verbalmente, e inevitabilmente abbiamo appreso alcune tecniche senza nemmeno essercene accorti.


La nostra visione del mondo. Tutti ci troviamo, inevitabilmente, a dover difendere quello in cui crediamo. Però, nella nostra smania di convincere, possiamo evitare di prendere in considerazione cosa è vero o sensato, finendo col difendere l’indifendibile. Ci si può trovare in questa situazione qualora non si stia semplicemente discutendo una particolare opinione, ma si stia difendendo la nostra visione del mondo. Se la materia sotto esame è legata alle nostre convinzioni fondamentali, abbiamo un bisogno pressante di avere la risposta ‘giusta’. A questo punto, non stiamo più cercando la verità in sé, ma stiamo tentando di tenere in piedi le nostre preconfezionate convinzioni. I Testimoni, come tutti, hanno i mezzi per difendere la loro visione del mondo. C’è però una differenza tra loro e la maggior parte delle altre persone: essi svolgono la loro opera di proclamazione porta a porta, esponendosi continuamente alla minaccia di subire contestazioni riguardanti le loro dottrine. Attraverso l’esperienza e l’addestramento, costoro giungono a padroneggiare una potente collezione di espedienti verbali e psicologici atti a proteggere ciò in cui credono. Imparano dalla continua esperienza a difendersi da qualsiasi contro ragionamento!


L'arsenale di armi a disposizione. Ecco di seguito una lista di strumenti utilizzati dai testimoni di Geova (ed altri gruppi con armi più deboli per tirare acqua al proprio mulino). Una volta che avrete iniziato a individuare queste tecniche in azione, vi renderete conto di quanto spesso vengano usate ed inizierete a scorgerne delle altre. Tenete a mente che alcune di queste tecniche sono puramente difensive. Altri stratagemmi possono essere utilizzati per attaccare (si legga “persuadere”). Nondimeno, spingendo la persona a sbilanciarsi e a perdere l’equilibrio, essi seguono il principio, consacrato dal tempo, che “la miglior difesa è un buon attacco”.



Antielaborazione della realtà
Occhi, orecchie e mente chiusi. L’antielaborazione è una resistenza all’elaborazione delle informazioni. Si può osservarne un semplice esempio alla proiezione di un film horror. Alcune persone del pubblico chiuderanno gli occhi di fronte ad una scena particolarmente raccapricciante. L’immagine (l’effettivo concetto) causa troppo turbamento per poter essere affrontata. Questo comportamento può essere paragonato al pensiero dei bambini: “Se io non posso vederlo, lui non può vedere me” (oppure “non esiste e non è lì”). Gli adulti trovano metodi più sottili per “chiudere i propri occhi”; sanno che possono evitare certe sofferenze semplicemente ignorando certe cose. Quando vedete una pubblicità che invita ad inviare denaro per aiutare i bambini che muoiono di fame, fate caso a quante persone nella stanza improvvisamente si affaccendino in tutt’altro. Prendendo le distanze quando ci viene presentato del materiale che ci disturba, proteggiamo il nostro equilibrio mentale. Cosa rigettiamo dipende da cosa siamo in grado di reggere e gestire. Gli esempi sopra dimostrano azioni fatte per evitare di affrontare informazioni che ci si presentano innanzi. Questa è Antielaborazione.


Armatura invisibile. Le azioni di antielaborazione diventano abituali col tempo, e alla fine diventano riflessi condizionati. Questo aumenta il loro potere protettivo, visto che siamo a malapena coscienti delle azioni che compiamo di riflesso. L’antielaborazione è una cosa strettamente personale: ognuno ha il diritto di scegliere a che tipo di informazioni esporsi. Comunque quando si parla con un’altra persona, il processo di antielaborazione può condurre a frustrazione. L’interlocutore può esclamare: “Stai deliberatamente evitando il punto!”, mentre intanto voi non capireste perché la conversazione non progredisce.

Visto che l’antielaborazione diventa un riflesso nemmeno vi accorgereste che la state attuando. Un aspetto preoccupante dell’antielaborazione è che continua a fare il proprio lavoro fin quando è necessario. Diciamo ad esempio che abbiate messo alla prova un Testimone con una discussione di una logica “devastante”. Potete lasciarlo allibito e senza parole. Eppure il giorno successivo sembrerà lo stesso di sempre. Ciò che è accaduto è che lui sarà riuscito a ridimensionare e sminuire la questione in qualche modo. Può darsi che abbia deciso che la questione era “stupida”, “senza né capo né coda”, “falsità filosofica” o “inganno apostata”. Oppure, forse, si sarà semplicemente costretto a dimenticare, (una tecnica che definiscono “attendere Geova”). Potreste trovare necessario riprendere l’argomento dall’inizio. In tutti i casi non sareste in grado di farlo perché l’antielaborazione, che sta ancora funzionando, riconoscerebbe il pericolo. Richiamerebbe altri meccanismi difensivi per prevenire l’informazione dall’essere affrontata ed elaborata. Tutto ciò non vi permetterà di tornare facilmente sull’argomento perché, in un certo senso, il Testimone ha sviluppato una sorta di “vaccino” mentale per difendersi dai vostri ragionamenti e dalla vostra logica.


Fuggire il pericolo. L’antielaborazione potrebbe essere definita “l’evitare attivamente discrepanze cognitive”. State offrendo a qualcuno informazioni che non vuole, perché sono troppo disturbanti. Deve liberarsene in qualche modo. Quando siete così vicini all’essenza più intima di qualcuno, tanto che egli reagisce in questo modo, sarebbe il caso di chiedersi se avete effettivamente delle probabilità di fare breccia nelle sue difese. Questa persona ha lavorato lungamente per mettere a punto la sua “strategia di antielaborazione”, ed essa ora lavora in modo eccellente. Se continuate a fare leva sulla questione, potrebbe essere percepito come un assalto mentale, e non potete prevedere cosa, chi vi sta davanti, potrebbe dire o fare in una simile situazione. I Testimoni considereranno i vostri tentativi di dialogo o dibattito come “persecuzione” o “inganno satanico” ed è probabile che vi eviteranno quale “oppositore” come già fanno con le vostre “pericolose” idee.


L’Effetto Parafulmine
C’è un proverbio che recita “i fulmini non cadono mai due volte nello stesso posto”, ma questo ovviamente non è vero nel caso del parafulmine. Quando la differenza del potenziale elettrico tra le nuvole ed il terreno diventa grande a sufficienza, il fulmine seguirà il percorso più semplice, e i parafulmine sono concepiti per provvedere questo percorso, più e più volte. Un fulmine ridurrà la differenza nel potenziale elettrico, ma il parafulmine non rimane “neutro”; questo è connesso con il terreno e riacquisterà una carica. Una cosa del genere succede quando dibattete con qualcuno, lo convincete di qualcosa, e poi lasciate che ritorni al suo “terreno” (cioè le persone che condividono le sue stesse convinzioni). La sua fede viene ricaricata e questo gli dà la forza di scrollarsi di dosso le vostre argomentazioni. Questo è proprio lo scopo delle riunioni dei Testimoni, riprogrammarli alla totale, cieca ubbidienza e sottomissione alla Watchtower e i suoi rappresentanti.


Acquisire il Parafulmine. Uno dei primi passi dell’indottrinamento consiste nell’isolare le persone, fisicamente o psicologicamente, dalle opinioni differenti. Questo è il motivo per cui i Testimoni sono messi in guardia dall’associarsi con “le persone del mondo”, tutti i non Testimoni. I loro “terreno” deve essere la società Torre di Guardia, e devono rimanere collegati a questa per rifornire la loro carica dottrinale. Questo è un aspetto della natura umana e la psicosetta lo conosce. Gli atteggiamenti delle persone sono profondamente modificati da coloro con cui si identificano; tornare tra le persone del gruppo può riportarle velocemente allo stato mentale consueto, dal momento che fanno della psicosetta una parte significativa della loro identità. Come dice l’adagio, “Dimmi con chi vai, e ti dirò chi sei”.


Mantenere il Parafulmine. È davvero difficile provocare un qualche effetto permanente su delle persone se queste continuano a tornare alla sorgente delle loro motivazioni. Questa è la ragione per cui le persone in libertà vigilata vengono avvisate di stare alla larga dagli amici implicati in attività criminali; la pressione dei nostri pari amplifica il desiderio di tornare alle vecchie abitudini. La società Torre di Guardia ricorda continuamente ai suoi aderenti di “stare in mezzo al gregge” per evitare di essere condizionati dalle “influenze esterne”. Si tratta di una questione sia di cameratismo che di rifornimento delle convinzioni.


Immagazzinare e Memorizzare Tramite Ripetizione
Creare Conformità. “La Bibbia dice …” è un'espressione frequente delle frasi proferite dai testimoni di Geova. Un'altra espressione abbastanza comune è: “La Torre di Guardia dice …” oppure  “la Società dice …”. I testimoni studiano le loro pubblicazioni costantemente, e le dottrine sono ripetute finché non si radicano profondamente nella loro testa. Essi leggono la rivista La Torre di Guardia e sottolineano le risposte alle domande che appaiano in calce ad ogni colonna. Ogni settimana sono tenuti all’ascolto della lettura pubblica dell’articolo e alla ripetizione “a pappagallo” delle risposte alle domande che avevano sottolineato con poche o nessuna variazione personale e infine alla ripetizione di tre o quattro punti principali dell’articolo. Così, i concetti importanti si incontrano almeno cinque volte: nel leggere, nel sottolineare, nell’ascoltare, nel rispondere o ascoltare le risposte altrui e nel ripeterli alla fine della trattazione. Certamente, i concetti più vitali sono incontrati anche più di frequente, in diversi articoli. Dopo un pò di anni, un Testimone può aver ascoltato le stesse idee chiave ripetute per centinaia se non migliaia di volte. Queste credenze vengono incastonate nella loro mente e possono essere richiamate in un istante. Dopo così tante ripetizioni, non vengono più analizzate.


Dal memorizzare tramite ripetizione all’ovvio. Se discutete di dottrina con i Testimoni, troverete che fanno resistenza all’ascoltare opinioni che contraddicono le loro. Le loro convinzioni sono tanto “ovvie” ai loro occhi quanto le tabelline. Tenete a mente che in centinaia di ripetizioni le idee sono sempre state presentate come fatti. Il vostro isolato tentativo di sollevare un dubbio è sopraffatto dall’intensissimo indottrinamento. Anche se riuscite a fare in modo di mettere un Testimone nella condizione di interrogarsi su una dottrina fondamentale, generalmente costui tornerà presto alla sua “abituale” posizione. La sua testa è piena di frasi memorizzate che attestano tutte la medesima dottrina in modi differenti. Il vostro argomento è solo un “voto” contro dozzine di voti contrari.

Le risposte immagazzinate sono confortanti, perché hanno un aspetto familiare ed affidabile. Un Testimone può rimanere impressionato da uno dei vostri argomenti contrari, ma una volta che siete andati via, il peso dell’indottrinamento può schiacciare il vostro ragionamento. Tutti noi abbiamo la nostra scorta di risposte immagazzinate, come ad esempio la Regola Aurea: “Fate agli altri ciò che volete che gli altri facciano a voi” (o altri modi di dire e proverbi). Mentre le nostre azioni reali possono contraddire tale principio, possiamo continuare a crederci perché lo abbiamo sentito tanto spesso, sotto varie forme. Quando mettiamo in discussione una convinzione appresa a forza di ripetizioni, mettiamo in pericolo la nostra stabilità mentale, poiché la nostra personalità è integrata a (ed e stata costruita sopra) tale convinzione. È un’esperienza che provoca una grossa sofferenza interiore mettere in discussione cose che noi ‘sappiamo’, ma non possiamo provare, essere vere.


Depistaggio
Percorso più Sicuro. Se state avendo la peggio in un dibattito, un’efficace strategia è di focalizzarsi su una parola particolare che l’altra persona ha usato e dibattere su questa. Ciò può distrarre l’altro per un momento e darvi la possibilità di manovrare la conversazione in modo che questa non giunga alla conclusione che stavate per essere costretti ad accettare. Ci sono molti altri metodi per far deragliare un dibattito, come introdurre nuove idee che sono solo vagamente legate con la questione centrale. Questa tecnica potrebbe essere chiamata “Argomento della falsa pista” o “Sviamento ad hoc”. Potete tenere il vostro avversario così occupato a gestire tali questioni marginali da fargli dimenticare l’argomento principale.


Fronteggiare il Disagio. Normalmente non siamo consapevoli del fatto che stiamo sviando una discussione; semplicemente ci sentiamo a disagio con l’attuale linea di ricerca e desideriamo allontanarci delle idee che non ci piacciono. Cambiamo subdolamente argomento al fine di tornare in una zona per noi più confortevole. Questa è una perfida abitudine di cui tutti siamo preda, e ci può evitare l’ingresso in territori pericolosi anche se illuminanti. Possiamo evitare di sabotare inavvertitamente una discussione se veramente ci interessa imparare qualcosa, ed osare lasciar da parte i nostri concetti più amati, almeno, temporaneamente. Se disponiamo di una tale inclinazione, possiamo anche permetterci di lasciar passare le parole e le frasi e fare in modo che il nocciolo della questione sia messo in discussione.


Ritorno nella Zona Sicura. Purtroppo, i Testimoni hanno la tendenza emotiva a non permettersi di essere flessibili. La società Torre di Guardia si auto presenta di continuo come il solo canale dispensatore di verità, ed essi esitano a mettere in discussione la confortante idea che tutta la verità può giungere da un’unica fonte. È difficile persino far loro prendere in considerazione l’idea che la Società potrebbe sbagliare su qualcosa. Così, se mettete a disagio un Testimone con un'idea che è discordante con le dottrine della Società, questi si sforzerà di tornare nella sua “zona confortevole”. Se siete a conoscenza di ciò, potete schivare ogni tentativo di sviamento e riportarlo indietro sulla questione per lui tanto imbarazzante. Comunque, questo probabilmente lo atterrirà, e si affretterà a troncare la discussione. Potrebbe sentenziare: “Tu non capisci!”, o tirar fuori un pretesto per andarsene. Una volta sfuggito al pericolo, egli può (e lo farà) dimenticarsi della questione da voi sollevata.


Sofismi retorici ed inganni
Nei dibattiti, è comune per una o entrambe le parti il fare ricorso ad una classe di argomenti erronei conosciuti come “sofismi retorici”. Se avete familiarità con essi potete impedire che vengano usati da altre persone (e anche da voi stessi). Le conclusioni che procedono da sofismi retorici (o altri scaltri stratagemmi) conterranno una componente erronea, quindi sarebbe una ben misera vittoria avere la meglio in un dibattito utilizzando questi metodi, se la vostra preoccupazione principale è la verità. I sofismi retorici sono stati documentati, nel dettaglio, in varie occasioni. Mi soffermerò brevemente su alcuni di essi. Per un esame più dettagliato potete fare riferimento a libri sulle tecniche di dibattito.


Ricorso alla forza: una strumentalizzazione della paura. Un Testimone potrebbe dire: “Se non credi a ciò che stiamo dicendo verrai distrutto da Dio!”


Finta intesa: dichiarazione (tipicamente con un forte contenuto emotivo) pronunciata al fine di stabilire una fittizia sensazione di accordo. “Non vuoi vivere per sempre?” Questo è un tentativo di rabbonire l'avversario.


Attacco alla persona: mettere in discussione la fonte di una disputa. “Può darsi che il libro che hai citato riporti un caso valido, ma ho sentito dire che l’autore è un alcolista”. Oppure: “Non posso credere a quello che stai dicendo perché sei solo un essere umano imperfetto”. O “stai discutendo con me solo per provare ai tuoi colleghi che riesci a farmi cambiare idea”.


Appello all’ignoranza: sostenere che un’idea vada considerata valida perché altrimenti non esistono prove contrarie. “Se non credi che Gesù sia stato intronizzato nel 1914. Dimostrami che ciò non è mai avvenuto!”. Via di fuga tramite l’ignoranza: alludere ad una risposta esistente ma sconosciuta a entrambe le parti. “Può darsi che io non sappia risponderti, ma uno qualsiasi degli anziani della nostra congregazione è in grado di farlo”. Simili rivendicazioni sono raramente riprese.


Scappatoia nel futuro: alludere ad una risposta che presumibilmente verrà resa nota in futuro. “Può darsi che io non sappia rispondere alla tua domanda, ma a noi Testimoni viene detto di “aspettare Geova” quando incontriamo aspetti che non riusciamo a capire. Alla fine ci provvederà le risposte.” Notare che non viene specificato un limite di tempo.


Ricorso all’autorità: ottenere supporto da una persona celebre, che però non è presente per affermare le sue effettive opinioni. “Einstein sapeva che c’è un Dio. Sei per caso un Einstein, tu?”.


Appellarsi al popolo: “Provare” che qualcosa sia così perché ha convinto un gran numero di persone. “Puoi negare che la Bibbia sia il libro più distribuito di tutti i tempi?” (I Testimoni fanno raramente ricorso all’“Argumentum ad Numerum”, che sostiene che maggiore è il numero delle persone convinte di un’idea, maggiore è la probabilità che la stessa sia vera. Dopotutto la loro religione è costituita da meno di un millesimo della popolazione mondiale).


Scappatoia del relativismo: accantonare un argomento bollandolo come un semplice punto di vista. “Beh, questa è solo la tua opinione”. Questo può interrompere e sabotare una catena logica. Un’altra frase comune è “ognuno ha la propria opinione” come se ogni opinione fosse registrata con lo stesso peso probatorio.


Generalizzazione: Applicare modelli riconosciuti a casi specifici. “Tu sei uno scettico, quindi semplicemente non puoi capire come le persone vivano Dio”.


Ragionamento circolare: sostenere una catena di affermazioni tramite gli argomenti stessi che contiene. “La Bibbia è vera perché è scritta da Dio. Essa asserisce di essere la Parola di Dio. Dio non mente, quindi non può aver scritto un libro falso!” I Testimoni idolatrano la Bibbia vedendola come irrefutabile e letteralmente vera. Questo potrebbe sembrare un “debole legame” nel loro sistema di credenze, ma loro sono inamovibili in ciò; perché tutta l’impalcatura della loro dottrina, basata sull’interpretazione letterale della Bibbia, crollerebbe.


Fallacia del presupposto: chiedere una spiegazione a qualcosa di non ancora determinato. “Se l’evoluzione è vera, allora …”. Dato che lo studio dell’evoluzione è un lavoro ancora in corso, chiunque può trovare un punto di scontro, e sfidare l’interlocutore a dimostrare che ciò sia vero, dando per assunto al contrario che l’impossibilità di dimostrare il singolo punto infici l’intera teoria provandone la totale falsità.


Eccesso di domande sollevate: chiedere una risposta semplice quando non è possibile. “D’accordo, se Dio non ha creato l’universo, allora dimmi come è venuto all'esistenza!” La risposta non può essere sia semplice che concisa se ogni affermazione implica domande addizionali.


Affermazione del conseguente: impropria convalida di elementi chiave implicati in una situazione. “La Bibbia dice che il popolo di Dio sarà felice; noi siamo felici; quindi la Bibbia dice il vero”.


Conclusione irrilevante: una conclusione non conseguente al ragionamento. “I testimoni di Geova hanno la vera religione perché solo noi predichiamo così tanto di casa in casa”. Se fate notare che anche i mormoni predicano alla stessa maniera, vi verrà detto che non lo fanno tanto quanto i Testimoni, o che la loro religione è ovviamente falsa.


Trappole linguistiche: utilizzando una parola in chiave differente, ma trattandola come se fosse logicamente nello stesso contesto. “Dici che stai cercando la verità? Bene, la nostra religione predica la verità”. La trappola linguistica non è solo un sotterfugio retorico, ma un grave problema nella comunicazione. La chiamo “trappola” perché contemporaneamente le persone possono cascarci inavvertitamente se non sanno che la stessa parola può essere utilizzata con differenti sensi e connotazioni.


Biforcazioni: presentare alternative come l’uno/l’altro, come bene/male, falso/vero, mentre non si concepiscono zone grigie. Ai Testimoni viene insegnato a pensare in “bianco e nero”, essi tendono a credere che “se tu non sei uno di noi, sei uno di loro”. Si riferivano fino a qualche anno fa a questo come alla distinzione fra pecore e capri. Attualmente parlano di “oppositori”.


La scelta di Hobson, o Avanzamento Alternativo: provvedere due o più scelte che però non coprono la gamma delle possibilità ma riflettono essenzialmente la stessa proposizione. “Se non sei d’accordo con quello che dico, studiamo insieme questo libro che ho portato con me. Se invece sei d’accordo vieni in sala del regno questa domenica”. Entrambe le scelte vi esporranno all’indottrinamento. Manca una scelta però: “Se non sei d’accordo con me, lasciamo perdere e amici come prima”.


Monopolizzare la questione: porre una domanda e fornire immediatamente una risposta. “Gesù e Dio? No, dice la Bibbia!”; Dio ha un nome? Sì, Egli si è dato il nome Geova!” oppure “Dio ha un organizzazione terrena? Sì, la Watchtower!” La letteratura geovista usa questa tecnica senza posa per insegnare la sua dottrina anti-biblica e anti-cristiana.


Appellarsi all’antico: Avvalorare una proposizione in base alla sua età. “La Bibbia è sopravvissuta talmente a lungo che deve essere vera!” Si confrontino l’Iliade, i poemi di Gilgamesh, i sacri Veda ecc.


Appellarsi al nuovo: sostenere un’affermazione in base alla sua novità. «Si, ci sono stati errori nel passato, ma riceviamo “nuova luce” da Brooklyn, e quindi “la luce risplende sempre più”. Non noti come questo ci porti più vicini alla verità?». I Testimoni hanno avuto capovolgimenti e ricapovolgimenti delle proprie dottrine principali. Questo scredita il loro principio della “nuova luce”.


Appello alla povertà: Sfruttare l’impressione che il denaro corrompa. “La Watchtower è una organizzazione non lucrativa. E nessuno sta diventando ricco con tutto ciò. Non è proprio questo che Dio vuole?”.


Il pendio scivoloso: affermare che l’accettazione di una conclusione avrà conseguenze terribili. “Se ciò che dici è vero, nega il valore della Bibbia, e questo non è accettabile, quindi tu devi avere torto, in un modo o nell’altro”.


Ripetizione usata per dare enfasi: dare per vero un aspetto non comprovato ripetendolo così spesso che esso dovrà essere accettato di riflesso, meccanicamente. I Testimoni spesso fanno questo ritornando più e più volte ad un punto precedente che era stato posticipato. Il punto che viene ripetuto normalmente è uno che loro hanno imparato meccanicamente.

Concretizzazione: trattare qualcosa di astratto come fosse reale. “Geova mi ha benedetto facendomi conoscere la verità” oppure “Io so che c’è Geova, l’ho percepito nella mia vita”. Questa affermazione può essere spiegata in diverse maniere che non richiedono necessariamente l’intervento di Dio.

L’uomo di paglia: attaccare una caricatura di ciò che è stato detto dall’interlocutore. “Hai detto di non leggere la Bibbia letteralmente. Bene, ma se è solo una raccolta di storielle, allora perché gli storici e gli archeologi la trovano così utile?”.


Controllo delle Informazioni
Metodo Staliniano. La Società Torre di Guardia avverte i Testimoni che un certo tipo di informazioni non sono “sane” o “edificanti”. Questi hanno appreso tramite la ripetizione e la pressione dei loro pari che gli utili consigli della Società dovrebbero essere considerati assai seriamente. Anche i suggerimenti prendono il valore di un comando. Tramite continui “promemoria”, ai Testimoni viene insegnato a prendere decisioni che riguardano: quali libri si possono leggere, quali programmi televisivi si possono guardare, quali film o quali spettacoli possono intrattenerli e quali siti internet si possono visitare ecc.

Per riempire il vuoto, ai Testimoni sono dati libri e riviste, scritti dalla Watchtower, che si suppone questi studino con attenzione (oltre ai vari video e cd con “drammi biblici”, letture e musica geovista) . Ci sono così tante pubblicazioni che possono riempire il loro tempo senza far ricorso a quei media che incorrono nella disapprovazione della Società. Per esempio, se i Testimoni desiderano imparare qualcosa sulle altre religioni, hanno il libro L’uomo alla ricerca di Dio che ha lo scopo di illustrare le più significative di queste. Il testo dà una panoramica di ogni religione, ma questa è immediatamente seguita da una spiegazione del perché tale religione specifica è sbagliata. Per sapere qualcosa della teoria dell’evoluzione, un Testimone normalmente leggerà un libro della società Torre di Guardia Come ha avuto origine la vita? Per mezzo dell'evoluzione o della creazione?, che fa uso di critiche alla teoria dell’evoluzione da lungo tempo screditate, nonché un considerevole ricorso alla fallacia retorica del cosiddetto “uomo di paglia” (il deliberato travisamento della posizione avversaria).

Se domandate ai testimoni di Geova se hanno studiato le altre religioni, o l’evoluzione, loro vi risponderanno abbastanza onestamente in modo affermativo. In effetti essi non hanno realmente studiato queste cose dettagliatamente, ma hanno avuto un’infarinatura dai libri prodotti dalla Watchtower in modo tale da indurli a credere che la corretta conclusione sia stata raggiunta. Anche se la società Torre di Guardia non ha mai stilato una lista pubblica di libri proibiti, essa ha provveduto un'abbondanza di linee guida relative a quale tipo di materiale è considerato cattivo. Si evitano così informazioni che potrebbero incoraggiare dei dubbi.

Tra i testimoni di Geova, il termine “pensiero indipendente” è usato in senso negativo. Essi sono fortemente consigliati di apprendere quanto appare sulle pubblicazione della Torre di Guardia piuttosto che formarsi opinioni personali. Ad esempio, viene loro di fatto proibito leggere o discutere con confratelli di materiale proveniente da ex Testimoni, come ad esempio questo stesso libro, pena un comitato giudiziario con un processo religioso segreto che indaghi approfonditamente sui dubbi e sulle motivazioni dell’interesse a materiale considerato proibito dai leader della setta.


Metodo Orwelliano. Dato che la Società Torre di Guardia ha un così ferreo controllo sulle informazioni alle quali un Testimone può essere esposto, è così libera di riscrivere la storia in modo da mantenere un’immagine impeccabile, e di aiutare la gente a dimenticarsi di tutti i fallimenti in cui è incorsa.

Tra il 1968 e il 1975, la Società, in maniera abbastanza esplicita e ripetutamente, suggerì che il mondo stava per incorrere in un cataclisma noto come Armaghedon nel 1975. Dato che i Testimoni sanno leggere tra le righe (prendendo alcuni consigli come comandi, per esempio), molti lasciarono il loro lavoro, vendettero le loro case, o rimandarono l’iscrizione all’università, al fine di essere pronti per il Grande Giorno (di questo si ricorda bene anche mia madre che si è battezzata nel 1973). Il 1975 arrivò e trascorse. Migliaia di Testimoni lasciarono l’ovile, una tendenza che non si sarebbe invertita che tre anni più tardi. Se interrogate un Testimone oggi su ciò che accadde nel 1975, egli vi dirà che tutto fu dovuto semplicemente all’eccessivo zelo di alcuni fratelli, e che la maggior parte dei Testimoni non presero la cosa seriamente. Anche quelli che vissero il fallimento del 1975 – e che sono rimasti nella setta - affermano similmente che tale incidente non fu di eccessiva importanza. Per loro non ha alcun valore il fatto che la maggioranza degli attuali Testimoni si sono uniti al movimento dopo il 1975, e che sono stati esposti alla costante minimizzazione di tale evento da parte della Società. Questo crea un ambiente in cui i Testimoni di vecchia data cominciano a dubitare dei loro stessi ricordi. Alcuni potrebbero concludere che solo la loro specifica congregazione sia stata travolta dalla “Febbre del 1975”.

La maggior parte dei Testimoni sono completamente ignari del fatto che una simile predizione apocalittica fallì già nel 1914, nel 1916, nel 1918 e nel 1925 (data in cui il movimento perse la metà dei suoi membri). Tale informazione è loro disponibile, se sono interessati a scavare in profondità, ma il loro costante impegno nello studio e nel servizio (proselitismo) rende difficile trovare il tempo per questo genere di ricerche. Inoltre la Watchtower è restia a fornire gli scritti di Russell o Rutherford o la loro ristampa. Credendo di acquisire un tesoro spirituale, ho acquistato molti libri antichi della Watchtower, compresi quelli scritti da Russell e Rutherford, tramite un noto servizio di aste online. Molti di questi libri mi sono arrivati dagli USA da biblioteche o da privati che li avevano ereditati da loro parenti Testimoni alcuni considerati “unti”. Questo mi ha permesso di aprire gli occhi su tutte le falsità scritte e di rendere disponibile al pubblico una gran mole di informazioni in questo libro.

Dato che la Watchtower con la sua rete gerarchica di nominati controlla così tanto ciò che il Testimone legge, vede e sente, dispone di un pubblico al quale può dire praticamente qualsiasi cosa. Essa può riscrivere il passato con scarso timore di poter essere contraddetta. Quindi, anche se conoscete molto bene la storia della Società, potreste riscontrare molti problemi nel convincere un testimone di Geova che quello che andate affermando è storicamente attendibile.


Conclusione
Con piena consapevolezza delle tattiche usate dai testimoni di Geova per deviare le discussioni, con loro potete avere la meglio in molte discussioni se mantenete il sangue freddo. Tuttavia se avete l’intenzione di apportare un cambiamento permanente nel loro modo di pensare, i vostri sforzi potrebbero essere destinati a fallire.

Ad essere in discussione qui non è la verità, ma la necessità. Il sistema di credenze dei Testimoni fornisce loro un fondamento psicologico per mezzo del quale possono rendere il mondo più comprensibile. Le credenze attuali potrebbero essere tanto stravaganti e macchinose quanto una qualsiasi teoria di cospirazione, ma la rapida crescita della setta (la quale è aumentata da 2 milioni a più di 7 milioni fra il 1977 e il 2011. Con altrettanti “interessati” tra parenti e amici che partecipano alle riunioni speciali come la “commemorazione”) mostra che stanno offrendo qualcosa che molte persone vogliono avere.



Tratto dal libro L'illusione di Geova l'altra faccia del Male di Emilio Morelli, 2012, Youcanpring pp. 235-244


 
Torna ai contenuti | Torna al menu